Coordinates 1401

Uploaded June 25, 2017

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
9,023 f
5,350 f
0
2.8
5.6
11.13 mi

Viewed 2524 times, downloaded 60 times

near Carezza, Trentino-Alto Adige (Italia)

Partenza dalla stazione superiore della seggiovia Paolina (orario estivo: 8:30 - 17:30) nei pressi del passo di Costalunga. Ci si dirige immediatamente verso il rifugio Fronza alle Coronelle per sentireo molto agevole e panoramico: vista sul Latemar e sulle lontane cime del gruppo Ortles-Cevedale. Al rifugio Fronza si incontra un primo tratto di sentiero attrezzato molto divertente (è comunque bene indossare il casco a causa della notevole frequentazione del luogo e del forte rischio di caduta massi). Superato il salto roccioso attrezzato si continua in direzione della ferrata Santner che conduce all'omonimo passo. Il percorso è molto evidente e ben segnato, attrezzato di recente (2013), si svolge in ambiente tipicamente dolomitico offrendo scorci suggestivi su numerose guglie rocciose. Pur sviluppandosi sulla parete del Catinaccio, quasi verticale, non presenta mai un'esposizione eccessiva, essendo incastonato in un canalone non visibile dal basso. Raggiunto il Passo Santner, punto più alto del percorso a circa 2725 m, si giunge in vista della conca detritica che ospita il rifugio Re Alberto, con una magnifica vista sulle Torri del Vajolet e sul Catinaccio di Antermoia sullo sfondo. Raggiunto il rifugio con sentiero agevole, si inizia a scendere su un pendio più ripido e caratterizzato da pietre mobili; anche su questo tratto (parzialmente attrezzato, è conveniente indossare il casso per la presenza di numerosi turisti, soprattutto durante la stagione estiva. I rifugi Vajolet e Preuss sono sempre ben visibili in fondo alla valle. Una volta raggiunti i suddetti rifugi si imbocca il sentiero per il Passo delle Cigolade, che si raggiunge dopo circa un'ora e mezza di cammino. L'ultimo tratto del sentiero presenta qualche passaggio un po' disagevole ma non problematico. Raggiunto il passo si scende nel vallone sottostante che con un ampio giro verso destra conduce alla sella dove è posizionato il rifugio Roda di Vael. Superato il rifugio si chiude l' anello dirigendosi verso la stazione superiore della seggiovia Paolina. La traccia qui riportata comprende anche la discesa alla stazione inferiore della seggiovia, che alle 18:00 era già chiusa.
Il giro è molto vario e piacevole, non particolarmente impegnativo, anche se non cortissimo ed offre la possibilità di immergersi bel caratteristico paesaggio semi-desertico delle Dolomiti.
  • Photo of Stazione a monte della seggiovia Paolina
  • Photo of Stazione a monte della seggiovia Paolina
  • Photo of Stazione a monte della seggiovia Paolina
  • Photo of Rifugio Fronza alle Coronelle
  • Photo of Rifugio Fronza alle Coronelle
  • Photo of Rifugio Fronza alle Coronelle
  • Photo of Rifugio Fronza alle Coronelle
  • Photo of Rifugio Re Alberto
  • Photo of Rifugio Re Alberto
  • Photo of Rifugio Re Alberto
  • Photo of Rifugio Re Alberto
  • Photo of Rifugio Re Alberto
  • Photo of Rifugio Re Alberto
  • Photo of Rifugi Vajolet e Preuss
  • Photo of Rifugio Roda di Vael
  • Photo of Rifugio Roda di Vael
  • Photo of Rifugio Roda di Vael
  • Photo of Rifugio Roda di Vael
  • Photo of Rifugio Roda di Vael
  • Photo of Rifugio Roda di Vael

1 comment

  • Photo of Alberto Pedrotti

    Alberto Pedrotti Aug 29, 2017

    Voto anche il Catinaccio!
    Qui bisogna votarsi, altrimenti su Google Earth compaiono solo gli itinerari di quelli che si auto-votano con 4-5 identità fasulle...

You can or this trail