Moving time  2 hours 39 minutes

Time  8 hours 59 minutes

Coordinates 200

Uploaded August 18, 2019

Recorded August 2019

-
-
9,099 f
4,656 f
0
2.3
4.5
9.07 mi

Viewed 24 times, downloaded 1 times

near Malga Quarazza, Trentino-Alto Adige (Italia)

Oggi salito alla Vetta più alta del gruppo del Lagorai. Sono partito da Malga Sorgazza e attraverso forcella Magna ho percorso la facile Ferrata Giulio Gabrielli, poi ascesa alla Cima d'Asta risalendo il Canalone dei Bassanesi e discesa con la via normale.
PARTENZA: Si prende la SS.47 seguendo le indicazioni per Valsugana e Padova oltrepassando i laghi di Levico e Caldonazzo. Dopo circa 55 km dal casello autostradale, lascio la SS.47 e volto a sinistra cercando di individuare la SP.78 che sale oltrepassando i paesi di Villa, Strigno, Bieno fino ad arrivare al paese di Pieve Tesino (circa 12 km dalla SS.47), da qui risalgo a sinistra la stradina “via Marchetto” che mi entrare nella Val Malene (cartelli) e la seguo fino al suo termine arrivando dopo circa 9 km a Malga Sorgazza (località molto frequentata e ampio parcheggio).
ITINERARIO: Malga Sorgazza q.1450 (Dall’area parcheggio sotto la malga, inizio a percorrere la forestale CAI 327 che passa vicino il lago artificiale)   –    Bivio q.1440 (Oltrepasso il piccolo cimitero di guerra e dopo poco ignoro il largo tracciato che scende a destra e tengo la forestale CAI 327)    –    Bivio q.1505 (Cartelli: a destra scende il sentiero CAI 386 e attraversato il torrente conduce al monte Coston, vado dritto sulla forestale CAI 327)    –   Ponte Val Vendrame q.1534 (Appena lo attraverso c’è il bivio con cartelli: a sinistra sale il sentiero CAI 360 per la forcella Buse Todesche, tengo la forestale CAI 327)    –    Teleferica Brusà q.1647 (Di servizio al rifugio Ottone Brentari, bivio con cartelli e fine della forestale: sopra la teleferica sale nel bosco il sentiero CAI 327 per il rifugio, io prendo il CAI 380 su largo sentiero inizialmente in falsopiano, poi inizia a salire a zig-zag verso forcella Magna)    –    Forcella Magna q.2117 (Larga sella e incrocio con cartelli: prendo il CAI 326 a destra in salita, indicazioni per il rifugio Ottone Brentari e la ferrata Giulio Gabrielli)   –   Bivio q.2185(Cartelli: a destra prosegue il CAI 326 per il rifugio, priseguo a sinistra in salita su mulattiera, indicazioni per la ferrata)    –    Punta Socede q.2345 (Il sentiero aggira poco sotto la cima)    –    Forcella q.2253 (Stretta forcella, il sentiero si sposta sul versante opposto del crinale)    –     Ferrata Giulio Gabrielli q.2263 (Inizio della ferrata attrezzata solo con fune d’acciaio, dopo questo primo tratto termina e prosegue fino alla seconda parte dove risale verticalmente su scalette di ferro alla fine delle quali si conclude la via e continua in salita per sentiero)    –    Cima Colverde q.2268(Nessuna indicazione, ora si scende al sottostante passo Socede)    –    Passo Socede q.2518 (Bivio e cartelli: a sinistra scende il CAI 380/B, io scendo a destra sul CAI 375, est, al sottostante lago di Cima d’Asta e al rifugio)    –    Deviazione q.2473 (Cartelli, il lago di Cima d’Asta è poco sotto di me, lascio il CAI 375 e vado a sinistra, nord, su terreno detritico inizialmente in falsopiano, indicazioni per il “Canalone dei Bassanesi” e bolli rossi sulle rocce. Arrivato alla base del versante sud di Cima d’Asta, inizio a risalire ripidamente ma senza difficoltà il canalone detritico)    –    Biforcazione q.2625 (Nella ripida salita il canalone si biforca in due canalini paralleli, sto su quello a sinistra seguendo i buoni bolli rossi)     –    Bocchetta del Canalon q.2664 (Al termine della ripida salita del canalone detritico arrivo sul crinale ovest di Cima d’Asta, a poca distanza su una roccia è riportata la grande scritta della Bocchetta del Canalon, ora risalgo il largo crinale a destra, est, in seguito c’è qualche passaggio di 1°, bolli rossi indicano la via)    –    Cima d’Asta q.2847 (Grande croce sulla vetta, poco sotto è situato il bivacco Cavinato, proseguo scendendo dalla parte opposta, est, sulla via normale di salita che è CAI 364) 
Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Photo

Foto

Comments

    You can or this trail