Time  2 hours 32 minutes

Coordinates 3947

Uploaded April 26, 2017

Recorded April 2017

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
389 f
289 f
0
6.8
14
27.34 mi

Viewed 1503 times, downloaded 15 times

near Poasco, Lombardia (Italia)

Percorso effettuato il 23 Aprile 2017

Per l'andata, sono passato per un tratto sterrato da Vaiano e sbuca nella Zona di Vigentino dove ho preso la strada Selvanesca (in contromano...) sino a Via dei Missaglia.
Passo per un parchetto pubblico e attraverso il ponte sul Colatore del Lambro Meridionale, passo sul ponte pedonale sul naviglio Pavese (La bici la dovete portare in spalla) e prendo via Gattinara sino a sbucare a Ronchetto sul Naviglio.
Qui passo sul ponte con pista ciclabile che scavalca il naviglio grande e proseguo sino a Bisceglie.
Attraverso il Giardino AIDo e sbuco infine al Parco delle Cave di Milano.
Una pausa, un giretto per il parco e prendo la strada del ritorno passando per via Valsesia.
Attraverso Cesano Boscone passando per via Isonzo,Attraverso Cesano Boscone ed arrivo a Corsico passando il Ponte sul Naviglio Grande.
Passo via Alighieri,Viale Lombardia e via Lomellino ed arrivo ad Assago.
Passo per la zona del Forum, attraverso il Naviglio Pavese, passo per il Fiordaliso e percorro la stretta strada sino a Opera.
Qui passo per la stradina pedonale che va verso Noverasco e poi prendo lo sterrato che torna a Poasco.

90% asfalto - 10% Sterrato.

Buon Divertimento.

Tratto da Wikipedia:
Il Parco delle Cave è il terzo parco di Milano per dimensioni, dopo il parco Nord e il Parco Forlanini, con un'estensione pari a 135 ettari.
Situato nella parte ovest della città, compreso nel quartiere di Baggio, è caratterizzato da quattro bacini artificiali, boschi, corsi d'acqua, orti urbani, un'area agricola con marcite e soprattutto la cascina Linterno.
Insieme al Boscoincittà e al Parco di Trenno costituisce parte del Parco Agricolo Sud Milano.
A partire dagli anni venti l'estrazione di ghiaia e sabbia, in un territorio di vaste aree agricole, provoca la nascita di quattro cave: Cabassi, Casati, Ongari-Cerutti, Aurora. Negli anni sessanta, alla cessazione delle attività estrattive e di molte attività agricole segue un lento abbandono della zona.
Le prime associazioni di pescatori, "U.P. Aurora Arci" e "Il Bersagliere", si insediano rispettivamente nel 1929 presso la Cava Aurora e nel 1933 presso la Cava Casati[2]. In seguito al recupero dell'area della Cava Cabassi, nel 2000 si costituisce anche l'"Associazione Pescatori Cava Cabassi". Le associazioni del Parco oltre a promuovere l'attività di pesca sportiva, presidiano e difendono il territorio.[senza fonte]
È dalle stesse Associazioni, con l'allora Consiglio di Zona 18, alcuni cittadini ed il primo Assessore all'Ambiente del Comune di Milano Ercole Ferrario, che si determinò la volontà di dare attuazione al piano regolatore del 1976, che destinava l'area delle Cave a Parco. Si blocca il riempimento della Cava Cabassi e si inizia il risanamento dell'area con l'immissione di acque del Ticino, tramite il Canale Villoresi.
Voluto dall'allora Assessore ai Parchi del Comune di Milano Cinzia Barone, realizzato dagli architetti Reggio e Lodola di Milano, venne prodotto sul finire degli anni ottanta il progetto "Parco delle Cave", tale progetto vide il coinvolgimento di tutte le Associazioni della Zona 18, che lo approvarono. Suddiviso in lotti, nei primi anni novanta si dette inizio alla realizzazione del Parco. Realizzati dal Comune di Milano i primi tre lotti, dal 1992 al 1994, la giunta Formentini nel 1997 decise di terminare la collaborazione con i sopracitati architetti e affidare la realizzazione dei successivi lotti e gestione del parco all'associazione Italia Nostra, già gestore del Boscoincittà.
Nel 2002, al termine di ingenti lavori di riqualificazione, una grande festa promossa dalle Associazioni facenti parte dell'allora Comitato di Salvaguardia, presenta il parco alla città e lo promuove come parco cittadino, parte della cintura verde che il Comune intende realizzare nella periferia ovest di Milano.
Italia Nostra imprime al parco una gestione di tipo naturalistico, basata sull'ecosistema del bosco, con un intervento umano soft, il minimo necessario per rendere fruibile l'area. Molti alberi morti o caduti non vengono neppure rimossi, perché forniscono "nicchie" per il rinnovamento dell'ecosistema. Al contempo mobilita la partecipazione attiva della cittadinanza (associazioni, scuole, volontari) nella costruzione e manutenzione del parco. La gestione di Italia Nostra è terminata nel 2009, a seguito dell'autonoma decisione di sospendere la collaborazione con il Comune di Milano.
Da parte del Comune di Milano l'elaborazione del Parco fu affidata alla facoltà di biologia della Statale. Tale studio è stato presentato nel 2010 a Palazzo Marino.
La manutenzione del verde attorno alla Cava Cabassi è oggi curata da un insieme di aziende private, specializzate in igiene ambientale, che già si occupano degli altri parchi cittadini. Mentre la parte boschiva ed agricola è affidata (in base alla legge 228 del 2001) a quattro esperte aziende agricole di Milano Ovest, raggruppate nell'AGRI-PARCO. Con l'introduzione di prati fioriti, altri a fienagione e la cura delle ultime "marcite" (prati bagnati tutto l'anno con acque di fontanile), il Parco delle Cave sta vivendo un nuovo e apprezzato momento.

8 comments

  • Photo of tabita85

    tabita85 Apr 26, 2017

    I have followed this trail  View more

    Bellissimo il parco delle Cave.
    Uno dei miei preferiti.

  • Photo of Pippo71

    Pippo71 Apr 26, 2017

    I have followed this trail  View more

    Giro semplice su asfalto.

  • Photo of Stefanom75

    Stefanom75 Apr 26, 2017

    I have followed this trail  View more

    Ottimo giro.
    Complimenti

  • Photo of Elena Sofia

    Elena Sofia Apr 27, 2017

    I have followed this trail  View more

    Gran pedalata!

  • Photo of capasanta

    capasanta Apr 27, 2017

    I have followed this trail  View more

    Molto bello il parco delle cave.
    Ci vado spesso a correre.

  • Bellimbusto78 Apr 27, 2017

    I have followed this trail  View more

    Buon percorso, ma troppo asfalto per me...

  • Il Necchi May 15, 2017

    I have followed this trail  View more

    Piacevole percorso cittadino.
    Consigliato con poco traffico.

  • Photo of pgboden

    pgboden Feb 20, 2018

    I have followed this trail  verified  View more

    Nice and easy route. Quite a lot of road riding.

You can or this trail