-
-
7,936 ft
6,083 ft
0
1.7
3.4
6.81 mi

Viewed 3 times, downloaded 0 times

near Sant'Antonio di Mavignola, Trentino-Alto Adige (Italia)

Per raggiungere l'inizio del percorso si segue in auto la stretta strada che porta al rifugio Nambrone , lo si passa e si continua a salire fino al primo bivio dove si posteggia (non molti posti disponibili eventualemente si può continuare a salire in auto a sinistra verso l ex. malga Vallina d'Amola). Lasciata l'auto si prosegue salendo a sinistra sentiero 211 che prima segue su strada deviando dopo poco a destra per tagliare alcuni tornati. Si passa una sbarra e si entra quindi nella val d'Amola. Finita la strada il sentiero si biforca, si continua a destra in salita sempre per il 211 (l'altro sentiero giunge comunque al rifugio Segantini) che discreta pendenza risale il costone per continuare poi in falso piano fino al rifugio Segantini. Si prende quindi il 216 che, superato un facile scalino attrezzato e un ponticello continua su terreno tipicamente Adamellino fino alla Bocchetta d'Amola (o dell'Om). Si scende quindi con il sentiero 238 fino a lago Nero. La traccia quindi torna indietro per visitare anche i laghi di Cornisello, volendo si può continuare sul 238 fino al rifugio. Seguendo il tracciato invece si scende fino al lago Cornisello si devia prima a sinistra per raggiungere un punto più panoramico e quindi di ritorna indietro e si continua lungo la strada che all'altezza di una galleria si interrompe. Si deve quindi consteggiarla su terreno in parte franato, non molto agevole. Dopo circa 15 minuti si raggiungono i ruderi di una teleferica che, come raccontato dal gestore del rifugio Cornisello, sarebbe dovuta servire per costruire una diga ed un impiato idroelettrico sui laghi. Dai ruderi si scende su strada sterrata fino al rifugio e da qui lungo la strada si torna alla macchina.

Comments

    You can or this trail