Time  7 hours 13 minutes

Coordinates 7555

Uploaded August 10, 2019

Recorded August 2019

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
7,682 f
5,687 f
0
2.5
4.9
9.8 mi

Viewed 973 times, downloaded 42 times

near Federavecchia, Veneto (Italia)

Gita effettuata il 10 Ottobre 2019.

Lascio l'auto al lato della strada presso il Passo delle tre Croci e mi incammino sino a raggiungere il passo.Superata una grossa e vecchia costruzione in rovina, giro a sinistra e alla fine del parcheggio supero la sbarra.
Qui, seguo la strada sterrata (cai 213) con le indicazioni per la Forcella Marquoira e il Rifugio Tondi-Faloria.


La strada sale con leggera pendenza in un bellissimo bosco di pini passando per due fontanelle di legno.
Ad un certo punto, il sentiero inizia a salire con pendenza più elevata ed arrivo velocemente presso un pianoro erboso con davanti la cresta rocciosa della montagna sovrastante.Superò l'ultima salita ed arrivo presso un bivio in località Tardeiba: a desta il sentiero 213 prosegue per la Forcella Ciadin e il Rifugio Tondi-Faloria, mentre io giro a sinistra seguendo il sentiero 216 per la Forcella Marquoira.
Il percorso passa per prati con pendenza leggera, ed arrivato presso la morena, si apre uno splendido panorama sul Monte Cristallo.


Si prosegue su morena sino ad arrivare sotto alla Forcella Marquoira.Da qui, bisogna risalire la morena su un sentiero a pendenza elevata e su detriti morenici che scivolano da sotto i piedi.


Superato questo ostacolo, si arriva infine presso la Forcella di Marquoira da dove si vede la cima del monti Laudo e LaCesta. Sotto si vede il sentiero 216 che corre su prati e poi su morena sino alla parete del Monte Laudo in direzione del Lago Sorapiss.Salgo brevemente il sentiero per la Forcella Ciadin, per ammirare il panorama sottostante e poi ridiscendo la forcella e scendo lungo il sentiero 216.
Arrivato presso la zona morenica del sentiero, si apre il panorama sulla valle sottostante, con la vista su Misurina, i suoi Cadini e le Tre Cime sullo sfondo.
Arrivato alla fine della Morena, si sale una piccola roccetta e il sentiero prosegue su una stretta cengia rocciosa molto esposta con la maggior parte dei tratti attrezzati con vari in acciaio fissi.


Superato questo tratto, il sentiero scende la costa della montagna, sempre con notevole esposizione, su prati e poi attraverso arbusti di pini. In basso, in fondo alla valle si vede l'obbiettivo di questo tragitto, il rifugio Vandelli e una parte del Lago Sorapiss.Davanti, l'imponente parete rocciosa del Col del Fuoco.
Il sentiero scende con tratti con pendenza leggera e tratti con pendenza media e qualche roccietta sino ad arrivare ad incrociare il sentiero 215 che arriva dal passo delle Tre Croci.
Giro a destra e raggiungo in breve tempo un bivio. a Destra si va verso il Lago, mentre io prendo il tratto di sinistra ce sale presso il Rifugio Vandelli dove mi fermo per fare scorta di liquidi.


Da qui si ha uno splendido panorama sulla valle sottostante. Rifocillatomi, ridiscendo il tratto di sentiero ed arrivato al bivio, prendo il sentiero che va al lago.
La prima vista sul lago mi lascia senza parole.Il suo colore azzurro è qualcosa di meraviglioso.Non mi stupisco che chiamino questa zona "La Valle Incantata".


Molto bella anche le pareti rocciose che formano la conca del lago, primo tra tutti il picco roccioso chiamato "Il Dito di Dio" non a caso.


Dato che le rive del lago sono molto affollate, seguo il sentiero che lo costeggia a sinistra cercando un punto tranquillo dove fermarsi, ma anche il lato opposto è tutto pieno, pertanto risalgo un po i prati e mi fermo in alto con la vista del lago e della gente che lo affolla sotto di me.
Qui mi fermo per il pranzo al sacco e un pò di meritato riposo.
Rifocillatomi, riprendo il sentiero in sento antiorario intorno al lago. Lungo il lato destro si sale per superare una paretina rocciosa e arrivo presso un punto panoramico dove è possibile ammirare tutta la conca.
Ridiscendo e poi , a malincuore,riprendo il sentiero 215 per tornare al passo delle Tre Croci.
Il primo tratto è nel bosco, ma più avanti, il sentiero procede in costa con un lungo tratto esposto non sempre con corrimano in cavi di acciaio.


Ci sono molte persone che ridiscendono e si formano alcune code.Soprattutto in un tratto dove si devono scendere alcune scalette di metallo con corrimano che aiutano il difficile passaggio esposto. Il panorama sulla valle sottostante è impressionate e difficile da sostenere data l'altezza.
Finito il tratto esposto, il sentiero procede nel bosco con alcuni tratti in salita su facile sentiero e qualche piccola e facile roccetta arrivando infine presso il prato poco prima del Passo delle Tre Croci, da dove poi torno presso il punto in cui avevo parcheggiato.

Difficoltà:
il Sentiero 213 non presenta difficoltà tecniche. il sentiero 216 che sale alla Forcella Marquoira ha un tratto con pendenza elevata su morena friabile su cui fare attenzione.
Il sentiero che va dalla Forcella al Lago, presenta diversi tratti in forte esposizione.
Il sentiero 215 che dal Lago torna al Passo tre Croci presenta alcuni tratti con forte esposizione a volte aiutati con cavi fissi. Qualche tratto roccioso bagnato su cui fare particolare attenzione.

I miei tempi:
dal Passo alla Forcella Marquoira; 1h e 30 minuti
Dalla Forcella al Rifugio Vandelli o all'inizio del lago: 1h e 30 minuti
Per il ritorno, dal lago al passo Tre Croci: 2h e 30 minuti

Buon divertimento.
Waypoint

Partenza

Waypoint

Bivio

Waypoint

Forcella Marcuoira

Waypoint

Inizio tratto esposto

Waypoint

Rifugio Vandelli

Waypoint

Lago Sorapiss

Waypoint

Punto panoramico

Waypoint

Inizio tratto esposto

4 comments

  • Photo of Elena Sofia

    Elena Sofia Aug 11, 2019

    I have followed this trail  View more

    Un laghetto veramente da favola.
    Peccato che soffro di vertigini....

  • Photo of SoniaSonia

    SoniaSonia Aug 11, 2019

    I have followed this trail  View more

    Un luogo veramente da speciale. Bellissimo !!!!!

  • Bellimbusto78 Aug 11, 2019

    I have followed this trail  View more

    Percorso non semplice, ma stupendo. Da non perdere.

  • Photo of Stefanom75

    Stefanom75 Aug 11, 2019

    I have followed this trail  View more

    Ci sono stato 3 anni fa ma con andata e ritorno lungo il 215...Sentiero esposto, ma non difficile.
    Il laghetto è favoloso.

You can or this trail