Time  3 hours 14 minutes

Coordinates 952

Uploaded January 14, 2018

Recorded January 2018

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
1,962 ft
637 ft
0
1.6
3.2
6.46 mi

Viewed 830 times, downloaded 27 times

near Vesime, Piemonte (Italia)

GLI IMPONENTI RUDERI DEL CASTELLO DI VESIME
(anello Vesime.bric Faidal,Cessole,Vesime)
INTRODUZIONE
I Romani avevano costruito la strada Aemilia Scauri,importante via di comunicazione che da Acquae statiellae(Acqui) passava per Bistagno,Crixia e andava a scavalcare l’appennino ligure al passo di Cadibona(che con i suoi 456 metri di altitudine è uno dei valichi più facili)per raggiungere Vada Sabatia (Vado,Savona).
Questa strada aveva varie diramazioni,tra queste,la strada che da Acqui andava a percorrere la valle del fiume Bormida di Millesimo in direzione Cortemilia passando per Vesime.
VESIME
Vesime ,in quei tempi, era,solamente, un ricovero(una specie di albergo) con alloggiamenti per i viaggiatori in transito, situato “ad vigesimum lapidem”(alla ventesima pietra miliare da Acqui)( da dove,per contrazione deriva Vigesimum-Vesimum-Vesime).
Il primo nucleo abitativo di Vesime era posto nella zona pianeggiante alla dex del fiume Bormida,nei pressi del cimitero e della pieve di Santa Maria la cui origine viene fatta risalire al VI-VII secolo.
Le guerre ,le invasioni,le incursioni dei Saraceni provocarono, nell’Alto MedioEvo,lo spostamento degli abitanti verso le prime alture collinari,alla six del fiume, dove si formò,via via, l’attuale borgo che era cinto da mura e aveva un castello situato su un rilievo collinare e che era,perciò,più facilmente difendibile.
Del castello,distrutto nel 1644 dagli Spagnoli, restano,oggi, solamente una parte delle imponenti mura e i ruderi della torre.
Una leggenda locale narra di un tesoro ancora nascosto nel sottosuolo,nei sotterranei del castello.
A VESIME,nell’ultima guerra,gli Inglesi,aiutati dagli abitanti del luogo,misero in funzione un campo di atterraggio per aerei per facilitare l’arrivo degli Alleati.
Il campo di atterraggio era situato nella zona pianeggiante alla dex del fiume Bormida,non lontano dal ponte di Perletto.
Sul campo di Vesime atterrarono aerei Lysander,un B-25 Mitchell,un C47 Dakota!!.
PERCORSO
Dall’abitato di Vesime,da via Garibaldi ,si svolta a six su un sentiero che sale ripido fino a raggiungere un cascinale con recinto di cavalli(cascinale n. 1 nei waypoints).
Si passa accanto al cascinale.
Percorsi 150 metri,si svolta a dex passando accanto a un secondo gruppo di case da dove si prosegue su sterrata che sale, attraversando aree boschive, fino a raggiungere uno sperone collinare erboso e pianeggiante .
Qui passiamo accanto alla cascina Benenta.
Percorsi ,poi, 200 metri si attraversa stradina asfaltata e si prosegue a salire su sterrata nel bosco.
Si sale fino a raggiungere un grande incrocio con molte stradine che vi confluiscono.
Si va a dex su sterrata.
Al successivo bivio si va a six,a salire ,arrivando ,così,sulla sommità del bric Costalunga e,raggiungendo,poi, la stradina asfaltata che si snoda sul crinale spartiacque tra la valle Belbo e la valle Bormida.
Si svolta a dex.
Percorsi 150 metri, si svolta a dex su sterrata che sale a lato di un vigneto.
Percorsi 200 metri,si svolta a dex su sterrata che rientra nel bosco e che raggiunge,dopo 50 metri, un’altra stradina sterrata.
Si svolta dex .
Si inizia a scendere dal crinale verso il fondovalle della valle Bormida.
Si raggiunge ,nei pressi di cascine Negro,la provinciale Vesime--Santo Stefano Belbo.
Si attraversa.
Percorsi pochi metri,si attraversa ,anche,una strada sterrata ,proseguendo,poi, a lato di di un prato da dove si scende su stradina asfaltata.
Si prosegue a scendere ,passando accanto alle cascine Tassera.
Da qui , percorsi 50 metri si svolta a six su sterrata e,poi, ancora ,subito,a six proseguendo per 1 km. fino ad arrivare in fondovalle ,ormai nei pressi dell’abitato di Cessole dove si raggiunge stradina asfaltata.
Si svolta a dex seguendo indicazione segnaletica del sentiero n. 7 della Comunità montana Langa Astigiana.
Si effettua quindi ,su stradina asfaltata, un percorso “a mezzacosta” da Cessole fino a Vesime.
A Vesime si passa accanto ai ruderi dell’antico castello distrutto dagli Spagnoli nel 1640.
Da qui si scende in paese raggiungendo la piazzetta dove è situato il Municipio di Vesime.

NOTE SULLE TRACCE GPS E SULLA PERCORRIBILITA’ DEI SENTIERI

Le tracce GPS(le nostre così come tutte quelle che si trovano nei vari siti web di trekking) hanno solamente il significato di comunicare che,in quella particolare data,è stato possibile effettuare quel determinato percorso su sentieri in buone o sufficienti condizioni di agibilità.
Da quel momento in poi ,la percorribilità di quegli stessi sentieri può variare a causa di svariati e mutevoli eventi che si possono verificare nel tempo(posizionamento di nuove recinzioni per delimitare proprietà, vegetazione esuberante ,frane,etc..)Tutto questo deve essere tenuto sempre ben presente da chi si accinge a ripercorrere i tracciati escursionistici pubblicati e descritti nei vari siti web.
Photo

cascinale n. 1

cascinale n. 1
Photo

cascina Benenta

cascina Benenta
Photo

Grande incrocio

Grande incrocio
Photo

Bric Costalunga

Bric Costalunga
Photo

gruppo foto (uno)

gruppo foto (uno)
Photo

Bric Faidal

Bric Faidal
Photo

Discesa dal Faidal

Discesa dal Faidal
Photo

Prato cascine Negro

Prato cascine Negro
Photo

Cascina Tassera

Cascina Tassera
Photo

Cessole

Photo

chiesa campestre

chiesa campestre
Photo

Vesime

Vesime
Waypoint

Ruderi castello Vesime

Waypoint

cascine Negro

4 comments

  • Photo of federico1984

    federico1984 Jan 17, 2018

    wow, che meraviglia, seguo sempre i tuoi percorsi, questo è recensito benissimo complimenti!

  • Photo of marioparigi487

    marioparigi487 Jan 17, 2018

    OK. Grazie!.

  • Photo of Alessandroesce

    Alessandroesce Dec 28, 2018

    Ho iniziato il percorso ma purtroppo all'altezza della seconda cascina è comparso un mastino nero che non mi ha permesso di continuare e per poco non mi saltava addosso. Consiglio a tutti di fare molta attenzione. A parte l'imprevisto il percorso prometteva bene.

  • Photo of marioparigi487

    marioparigi487 Dec 28, 2018

    Sono ormai molti anni che io porto in tasca la bomboletta al peperoncino durante le escursioni!!.
    In un solo caso un cane mi è corso incontro arrivando fino a pochi centimetri da me con fare aggressivo.
    Spruzzato sul naso è scappato veloce!.
    In ogni caso mi sono accorto che la bomboletta,tenuta in mano pronta all'uso' mi infonde molta sicurezza e mi permette di passare accanto al cane senza titubanza.
    Penso che i cani avvertano,ora, questa mia nuovo comportamento(vado avanti senza paura!)(un tempo...era...passo,non passo..torno indietro...) e non mi hanno più dato fastidi.
    Ciao

You can or this trail