Time  5 hours 15 minutes

Coordinates 7021

Uploaded November 30, 2019

Recorded November 2019

  • Rating

     
  • Information

     
  • Easy to follow

     
  • Scenery

     
-
-
4,052 f
1,037 f
0
2.5
5.0
10.03 mi

Viewed 78 times, downloaded 0 times

near monteggia, Lombardia (Italia)

Gita effettuata il 30 Novembre 2019.

Lascio L'auto presso un parcheggio in via Monteggia e procedo in salita lungo la strada asfaltata. Alla fine di via Vararo, presso l'ultima casa, l'asfalto finisce ed incomincia la mulattiera sassosa che sale nel bosco. Passo la cappelletta posta a destra della mulattiera e arrivo in fretta presso la località Casere.
Da qui, percorro la provinciale 8 che sale da Cittiglio, per un piccolo tratto e poi giro a sinistra percorrendo un sentiero che passa dietro ad alcune case, per poi tornare sulla Provinciale 8.
Subito a sinistra appare il sentiero con le indicazioni per il passo Barbè. Si sale uno stretto sentiero che in due tornanti mi porta in cresta sul passo indicato solo dai cartelli segnaletici.Si procede la salita in cresta su sentiero con pendenza media ed elevata e con qualche tratto di rocciette su cui bisogna usare le mani per aiutarsi nella salita.
Nel gior di poco tempo arrivo presso la panoramicissima croce che appare pocco prima del primo dei Due Pizzoni di Laveno.
Da qui il panorama che si può ammirare , sul Lago Maggiore e la Pianura Padana è splendido:


Mi fermo poco, poichè tira un vento gelido, nonostante la soleggiata giornata, e procedo lungo il sentiero in cresta che sale con pendenza leggera e con qualche tratto leggermente esposto, sino ad arrivare presso il primo dei Pizzoni di Laveno indicato da un cartello segnaletico.


Purtroppo lungo il resto del sentiero in cresta, ci sono solo un paio di rarissimi punti in cui è possibile ammirare il panorama sottostante, a causa di numeri alberi e arbusti che nascondo la visuale, pertanto il resto del percorso prosegue con numerosi saliscendi su qualche roccietta e qualche tratto esposto passando per il secondo dei Pizzoni ed scendendo infine presso il Passo del Covignone sulla Porvinciale 8.
Da qui, seguo la provinciale in direzione sud-est ed arrivato al tornante, proseguo su strada sterrata seguendo le indicazioni per il Monte Nudo.
Arrivato presso un bivio con molti sentieri ed attrezzato con panche di legno, salgo lungo la mulattiera con le indicazioni per il Monte Nudo (qui, il cartello da 1h e 45 minuti, ma è sbagliato...cancellate pure l' ora.....)
Si sale con pendenza lieve , ma ad un certo punto, prendo un sentierino a sinistra, con solo i bolli bianco rossi e qualche pallino giallo che sale lungo la cresta con pendenza media od elevata, qualche facile roccietta ed acluni punti lievemnte esposti.
Anche questa cresta è purtroppo piena di alberi ed arbusti che pregiudicano la vista del panorama sottostante a parte un paio di punti strategici. Finita la salita,si arriva in un pianoro boscoso. Si segue il sentiero e si arriva presso la croce del Monte Nudo attrezzata con un paio di panchine di legno e una splendida visuale panoramica lungo il lato nord del monte:


Qui mi fermo per una pausa e per il pranzo al sacco, ma breve, poichè il sole va dietro gli alberi in fretta e mi lasci all'ombra alla mercee del freddo vento che arriva da nord.
Da qui, intrapprendo la via del ritorno prendendo un sentiero che scende verso sud con un paio di tornanti e torna presso la strada sterrata sottostante, che seguo in direzione ovest sino a tornare presso il tornate asfaltato percorso all'andata.
Da qui, seguo la strada asfaltataProvinciale 8 (passa un'auto o una moto ogni quarto d'ora in questo periodo) sino a tornare presso la località di Casere, da dove scendo verso Laveno percorrendo lo stesso percorso dell'andata.

Difficoltà:
La mulattiera che da Brenna sale a Casere-Varano non presenta difficoltà tecniche, come anche il sentiero che sale sino al passo Barbè. Il sentiero che sale i Pizzoni e che percorre tutta la cresta sino al passo del Cuvignone, presenta alcuni tratti con pendenza media o alta, qualche roccietta su cui utilizzare le mani e qualche lieve tratto esposto, ma facile.Idem per la salita in cresta per il Monte Nudo. Il reso delle strade/mulattiere non presenta difficoltà tecniche.

I miei tempi:
da Brenna alla croce panoramica dei Pizzoni: 1h e 30 minuti
dalla Croce al Passo del Cuvignone: 40 minuti
dal Passo al monte Nudo: 40 minuti
per il ritorno a Brenno: 2 ore

Buon divertimento
Waypoint

Partenza

Waypoint

Casere

Waypoint

Passo Barbè

Waypoint

Croce

Waypoint

Passo del Cuvignone

Waypoint

Monte Nudo

7 comments

  • Photo of Elena Sofia

    Elena Sofia Dec 2, 2019

    I have followed this trail  View more

    Panorami bellissimi!
    Ciao

  • Bellimbusto78 Dec 2, 2019

    I have followed this trail  View more

    Ottima spiegazione, come sempre.
    I miei complimenti.

  • Marco Bassi Dec 2, 2019

    I have followed this trail  View more

    Gita Carina. Io l'ho fatta parrivando in auto da Vararo. Meno dislivello.
    Ciao

  • Photo of Stefanom75

    Stefanom75 Dec 2, 2019

    I have followed this trail  View more

    Gran Percorso. Ottimo per l'autunno e la primavera.

  • Photo of Pippo71

    Pippo71 Dec 2, 2019

    I have followed this trail  View more

    Belle foto e spiegazione precisa.
    Ci andrò sicuramente.

  • Photo of murales93

    murales93 Dec 3, 2019

    I have followed this trail  View more

    Che coincidenza, eravamo lì anche noi il 30 novembre! Giornata magnifica tra l'altro. Però siamo saliti da Laveno in funivia sul tardi e quindi abbiamo chiuso l'anello prima del Nudo scendendo a Vararo direttamente dal passo del Cuvignone.
    Ne approfitto per dirti che leggo con piacere i tuoi percorsi, sempre descritti in modo impeccabile, e spesso prendo spunto per l'organizzazione delle mie escursioni. Peccato non esserci incontrati, avrei fatto volentieri la tua conoscenza!

  • Photo of alfiere nero

    alfiere nero Dec 3, 2019

    Ciao
    Ho visto la tua gita. In effetti ci siamo mancati di poco.Bellissima giornata di sole anche se un pò fredda.
    Sul monte Nudo non c'era sole pertanto, dopo mangiato sono sceso subito e alle 14:30 ero già ero già di ritorno a Brenna.
    In inverno, a star fermi all'ombra ci si raffredda velocemente.
    Ti seguo anch'io e tengo d'occhio tutti quelli che postano gite con un minimo di descrizione, in modo da prendere sempre spunti per nuove gite e percorsi interessanti. Peccato non esserci incontrati.
    Ciao e buone passeggiate.

You can or this trail