• Photo of ANELLO del RESEGONE dai Piani d'Erna 18/10/2020
  • Photo of ANELLO del RESEGONE dai Piani d'Erna 18/10/2020
  • Photo of ANELLO del RESEGONE dai Piani d'Erna 18/10/2020
  • Photo of ANELLO del RESEGONE dai Piani d'Erna 18/10/2020
  • Photo of ANELLO del RESEGONE dai Piani d'Erna 18/10/2020
  • Photo of ANELLO del RESEGONE dai Piani d'Erna 18/10/2020

Time  5 hours 31 minutes

Coordinates 1064

Uploaded October 19, 2020

Recorded October 2020

-
-
6,144 ft
1,904 ft
0
2.0
3.9
7.82 mi

Viewed 43 times, downloaded 0 times

near Malnago, Lombardia (Italia)

Lecco Escursione 18 ott 2020 at 08:47 Rif. Azzoni
Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura, tra un promontorio a destra, e un’ampia costiera dall’altra parte; e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all’occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l’Adda ricomincia, per ripigliar poi nome di lago dove le rive, allontanandosi di nuovo, lascia l’acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni. La costiera, formata dal deposito di tre grossi torrenti, scende appoggiata a due monti contigui, l’uno detto di San Martino, l’altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi, al primo vederlo, purché sia di fronte, come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione, non lo discerna tosto, a un tal contrassegno, in quella lunga e vasta giogaia, dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune. Per un buon pezzo, la costa sale con un pendìo lento e continuo; poi si rompe in poggi e in valloncelli, in erte e in spianate, secondo l’ossatura de’ due monti, e il lavoro dell’acque”.

ma anche
Anello del Resegone
XII
Cosí dicendo Alberto di Giussano
Con tutt'e due le man copriasi gli occhi,
E singhiozzava: in mezzo al parlamento
Singhiozzava e piangea come un fanciullo.
Ed allora per tutto il parlamento
Trascorse quasi un fremito di belve.
Da le porte le donne e da i veroni,
Pallide, scarmigliate, con le braccia
Tese e gli occhi sbarrati al parlamento,
Urlavano - Uccidete il Barbarossa! -.
XIII
«Or ecco,» dice Alberto di Giussano,
«Ecco, io non piango piú. Venne il dí nostro,
O milanesi, e vincere bisogna.
Ecco: io m'asciugo gli occhi, e a te guardando,
O bel sole di Dio, fo sacramento:
Diman da sera i nostri morti avranno
Una dolce novella in purgatorio:
E la rechi pur io!» Ma il popol dice:
«Fia meglio i messi imperïali.» Il sole
Ridea sorgendo* dietro il Resegone.

Comments

    You can or this trail